Beck’s Art Label: 5 artisti sulle etichette della birra

Beck's Art Label

Cinque artisti interpretano il pensiero indipendente e lasciano la propria firma sulle bottiglie Beck’s Art Labels. M.I.A, Bloc Party, Seeed, Boys Noize&Paul Snowden e Anton Corbijn hanno curato il design della Beck’s Art Labels per l’Italia, ispirati unicamente dalla loro creatività. A partire da agosto 2012, per due mesi, le loro opere d’arte sono disponibili sulle etichette delle bottiglie di Beck’s e Beck’s Next da 33cl e 66cl: circa 30 milioni di bottiglie Beck’s Art Labels arriveranno in Italia e sostituiranno le tradizionali etichette e su tutte le bottiglie Beck’s e Beck’s Next, dove comparirà una delle cinque opere d’autore.

“Beck’s sostiene da sempre la musica, l’arte e il pensiero indipendente. Come sponsor e organizzatore di numerosi eventi musicali in tutto il mondo, siamo da anni al fianco di artisti e musicisti che desiderano esprimere la propria creatività in modo alternativo.

Il nostro obiettivo è dare visibilità e voce a qualsiasi tipo di arte o musica. Con le Art Labels abbiamo fatto un ulteriore passo avanti donando le nostre etichette ad artisti internazionali come se si trattasse di una vera e propria tela bianca, permettendo loro di trasmettere la stessa ispirazione a milioni di persone”, dichiara Oliver Bartelt, Beck’s Communication Manager.

Questi gli artisti di Beck’s Art Labels del 2012 in Italia:

 

Bloc Party

Nessun’altra band al mondo esprime al meglio la fusione tra indie rock & electro come i Bloc Party. L’album di debutto dei Bloc Party, Silent Alarm, esce il 14 febbraio 2005, e in una sola settimana ottiene il disco d’oro in Gran Bretagna e viene nominato da NME come disco dell’anno. Nei primi mesi del 2012, dopo alcune esperienze da solisti di alcuni membri della band, il gruppo si è riunito ed ha lavorato ad un nuovo disco, Four, che uscirà il 20 Agosto 2012.
Nell’etichetta Beck’s Art Label firmata dai Bloc Party ogni anello simboleggia uno dei quattro membri della band e le quattro lettere che compongono il nome Bloc. Lo stesso motivo artistico si troverà nella copertina del loro nuovo album “Four” che uscirà nel mese di agosto, seguito da un tour europeo in novembre (la tappa italiana sarà a Milano, l’8 novembre).

Boys Noize & Paul Snowden

Boys Noize, nome d’arte di Alexander Ridha, è senza dubbio l’artista più celebre del panorama tedesco della musica elettronica. A livello mondiale si parla infatti di Boys Noize Sound per descrivere una miscela di broken beats e techno.

Ridha inizia la sua carriera giovanissimo, arrivando in poco tempo ad affiancare grandi nomi della musica elettronica internazionale come DJ Hell e Felix da Housecat. Con il passare degli anni sviluppa delle sonorità ed uno stile unico, grazie a influenze Hip Hop e Electro House. Per la creazione delle copertine dei suoi album, si è avvalso della collaborazione di Paul Snowden, artista di origini neozelandesi, molto conosciuto nel panorama artistico di Berlino.
L’etichetta “Boyze Noize Techno Beer” dimostra come Beck’s non conosca confini tra i generi: punk, rock, heavy metal o techno, Beck’s è la scelta migliore per qualsiasi sound! La creatività Art Labels realizzata da Paul Snowden e Boys Noize riflette il ritorno dell’Acid House con il suo smiley, simbolo delle notti più cool di Berlino al ritmo del sound techno.

Seeed

Nato nel 1998, l’eclettico gruppo musicale berlinese Seeed è formato da 11 elementi. Nati come band di musicisti di strada, i Seeed mantengono intatto lo spirito di festa e intrattenimento anche quando, successivamente, diventano una band acclamata sui palchi internazionali. Nei loro album hip hop, dub, ska, dancehall musica caraibica, africana e sonorità arabe, vengono metabolizzati con naturalezza e ricondotti alla prima grande passione dei Seeed: il Reggae.
Dopo progetti solisti dei frontmen (Peter Fox, Delle e Boundzound), i Seeed sono pronti a tornare con un nuovo album e un tour nel 2012, per scrivere un altro importante capitolo della discografia tedesca.
Dell’idea di realizzare la propria etichetta per Beck’s i Seeed sono stati entusiasti fin dall’inizio. La band berlinese ha realizzato un cortometraggio molto creativo e apparentemente misterioso in cui la “E” incoronata svolge il ruolo da protagonista.

Anton Corbijn

Nato in Olanda nel 1955, Anton Corbijn è uno dei fotografi più influenti al mondo. Difficile pensare ad una pop star che non abbia posato davanti alla sua macchina fotografica.
Celebri le copertine di album musicali realizzate da lui per i Depeche Mode e gli U2 tra gli altri.  Nello stesso periodo inizia a girare come regista i suoi primi video (ad oggi oltre 60) per gli artisti più disparati. Suoi sono i video cult di “Enjoy the silence” e “Personal Jesus” dei Depeche Mode, “One” ed “Electrical Storm” degli U2, “Talk” e “Viva la Vida” dei Coldplay. Nel 2007 esce il suo primo film, Control, biografia di Ian Curtis, cantante dei Joy Division, che ottiene un buon riscontro al Festival di Cannes.
L’etichetta Beck’s Art Label mostra Anton Corbijn nei panni di Ian Curtis, defunto cantante del gruppo cult Joy Division. Corbijn ha avuto con Ian Curtis un rapporto molto speciale: una collaborazione che ha gettato le basi per la sua carriera internazionale. Beck’s è davvero lieta che Anton Corbijn abbia scelto di creare un’esclusiva etichetta per Art Labels come tributo al grande Ian Curtis.


M.I.A.

Genere musicale: sconosciuto. Una commistione di hip-hop, electro e R&B: un vero mix esplosivo. La collaborazione per la colonna sonora del film “The Millionaire” di Danny Boyle – film vincitore di ben 8 statuette – segna il passo decisivo nella carriera di M.I.A. e la introduce al grande pubblico. Anche il prestigioso magazine britannico TIME nel 2009 l’ha inserita tra le 100 persone più influenti al mondo, evidenziandone ancora una volta i suoi meriti artistici e la sua influenza nella cultura musicale contemporanea.

Così come il suo sound, frutto di un mix tra politica, consapevolezza sociale, anche l’etichetta realizzata per Beck’s è commistione di colori e forme e suggestioni… tutto fuorché bianco e nero!

Fonte: Beverfood.com

Comments
One Response to “Beck’s Art Label: 5 artisti sulle etichette della birra”
  1. icittadiniprimaditutto scrive:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail e resta aggiornato sui nuovi post di Copia-Incolla.org

    Segui assieme ad altri 456 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: