Omaggio alla commedia all’ italiana e al suo “mostro”, Alberto Sordi!

Il venerdì della grande nevicata romana mi recavo al cinema per gustarmi il nuovo film di Martin Scorsese, “Hugo Cabret”. E proprio all’ ingresso che, girandomi verso destra, scorgo questo cartellone…

Sapete, precisamente 9 anni e un giorno fa il “mostro” della commedia italiana ci lasciò, si si proprio lui, il marchesse del grillo, l’ americano a Roma, lo scapolo, il moralista, il vigile e chi più ne ha più ne metta. Alberto Sordi, e altri grandissimi interpreti come  Ugo Tognazzi, Vittorio Gasman, Nino Manfredi, Marcello Mastroianni e anche qui, chi più ne ha più ne metta, hanno dato vita a quella commedia che noi oggi definiamo: all’ Italiana. Volevo cogliere l’ occasione di questa triste ricorrenza, non solo per ricordare uno dei più grandi attori del nostro cinema, ma anche quella commedia all’ italiana, ormai scomparsa dai nostri cinema multisala. E si, è proprio vero, non si vedeno più i bei film di una volta, oppure come diceva Max Pezzali: <<gli anni di che belli erano i film>>. Quei film che oltre a farti ridere a crepapelle riuscivano a trasmetterti qualcosa, ti rimanevano dentro senza lasciarti più; non so, “Amici miei” di Mario Monicelli per esempio, capolavoro di comicità e, nello stesso tempo, drammaticità.

Se oggi mi dovesse capitare di vedere il film “Ti stimo fratello” quello che mi rimarrebbe dentro, non sarebbe altro che un fortissimo senso di nausea. Spero perdonerete lo sfogo, ma non posso credere che, con il patrimonio culturale-cinematografico che abbiamo avuto la possibilità di ereditare, non riusciamo a tirare fuori nulla che non sia un cinepanettone o che non abbia un culo e due tette maggiorate sulla locandina (spesso le due cose coincidono). Insomma non possiamo negare che prima ridere avesse tutto un altro gusto…

Perle di cinema indelebili!

Un aspetto da non trascurare è che Alberto Sordi, nonostante la sua vena principalmente comica, non ebbe assolutamente problemi nel cimentarsi anche in ruoli drammatici di altissimo livello, ricordiamo per esempio “Un borghese piccolo piccolo”, film di un’ intensità e di un impatto che hanno dell’ incredibile considerando l’ epoca cinematografica (1977).

Non so se esiste un modo giusto, o comunque migliore per omaggiare un personaggio di tale calibro, magari percorrendo passo passo la sua vita. Però una cosa la so, che con lui, 9 anni fa, è morta anche quel poco di commedia all’ italiana rimasta, che ci contraddistingueva, perchè in quello, eravamo i migliori; l’ avrà portata via con se.

Comments
3 Responses to “Omaggio alla commedia all’ italiana e al suo “mostro”, Alberto Sordi!”
  1. icittadiniprimaditutto scrive:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. icittadiniprimaditutto scrive:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. icittadiniprimaditutto scrive:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail e resta aggiornato sui nuovi post di Copia-Incolla.org

    Segui assieme ad altri 456 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: